Non l’Euro, è l’Italia che va cambiata

12 Gennaio 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Il testo che segue è un post inviato dal lettore ferrigus e NON un articolo di Wall Street Italia. Lo ripubblichiamo, dandogli la giusta evidenza, perchè in termini schematici tocca i punti essenziali della crisi politica, sociale, morale ed economica italiana. E’ utile ad aprire il dibattito tra i lettori di WSI.

Ecco il post (editato) tratto dai commenti:

PRIMO GRANDE PROBLEMA RESTA L’ITALIA E IL SUO SISTEMA.

All’ interno del nostro paese il contrasto sociale, dovuto da insicurezza e mancanza di reddito è in crescita, la mancanza di credibilità della politica, delle istituzioni stesse, alimenta il disordine sociale favorendo gli atteggiamenti delinquenziali.

Gli altri paesi europei (Grecia a parte) non sono scesi così in basso!

Uscire dall’euro in queste condizioni non può essere la soluzione e perdere tempo nel discutere le strategie e gli effetti non è prioritario.

La reazione della società italiana di fronte ai problemi, fotografa un paese fragile e irrazionale, le istituzioni restano l’unico punto di riferimento, solo da quella sede può partire il cambiamento, nei luoghi istituzionali abbiamo bisogno urgente di nuovi modelli di pensiero.

La Costituzione tanto osannata non è in grado di proteggere i suoi cittadini.

È così chiaro che le risorse nel nostro paese sono utilizzate male, ma è altrettanto evidente che ci sono e sono tante.

Il meccanismo che si è innescato vede la sopravvivenza del sistema politico, delle lobbies, delle grandi posizioni di rendita e realtà aggregate a spese della società.

E’ un dato di fatto che tutti e dico tutti coloro che si nutrono di risorse pubbliche sono il centro del problema “Sistema Italia”.

Basta che ognuno di noi identifichi la sua posizione in ordine al “Sistema Italia” per calcolare il suo livello di sopravvivenza.

LA PORTATA DEL CAMBIAMENTO “SFUGGE” A CHI SI È PRESO LA RESPONSABILITÀ DI GOVERNARE.

Se non si smantella il “Sistema Italia”, le tutele e la giustizia sociale avranno un prezzo sempre più alto!

La disinformazione media della popolazione è un grande vantaggio per il “Sistema Italia” e per il suoi soci in affari!

inviato da ferrigus il 12/01/2014 alle 09:07