Tel Aviv è la città più costosa al mondo. Roma in caduta libera

1 Dicembre 2021, di Redazione Wall Street Italia

La città più costosa al mondo dove vivere oggi è Tel Aviv in Israele. Così emerge da un rapporto biennale dell’Economist Intelligence Unit secondo cui la città israeliana è in cima all’indice del costo della vita mondiale dell’Economist del dicembre 2021 per la prima volta in assoluto, salendo dal quinto posto dello scorso anno.

Le città più costose al mondo secondo EIU

Tel Aviv è salita in classifica soprattutto perché la valuta israeliana, lo shekel, è salita, “sostenuta contro il dollaro dal successo del lancio del vaccino Covid-19 in Israele”. Israele ha avuto uno dei programmi di vaccinazione Covid-19 più veloci del mondo. Secondo i dati di Our World in Data, il 62% della popolazione israeliana era completamente vaccinata a partire da lunedì. All’inizio di novembre, lo shekel israeliano era in rialzo del 4% rispetto al dollaro statunitense da un anno all’altro, secondo Reuters, ma da allora ha ridotto questi guadagni.

Circa un decimo dei beni è aumentato di costo a Tel Aviv e il tasso di inflazione dei prezzi è aumentato del 3,5% su base annua in termini di valuta locale a settembre 2021, rispetto al solo 1,9% del 2020. Problemi di catena di approvvigionamento, fluttuazioni nei tassi di cambio delle valute e cambiamenti nella domanda dei consumatori hanno portato a questo aumento dei prezzi per le materie prime e altri beni, ha detto l’EIU. I trasporti hanno visto il più grande aumento dei costi, con il prezzo della benzina al litro aumentato del 21% in media nel 2021, secondo la ricerca.

Dietro Tel Aviv in classifica si piazza Parigi. La capitale francese è scesa al secondo posto della classifica, insieme a Singapore. Al quarto posto Zurigo e a seguire Hong Kong, New York, Ginevra, Copenaghen, Los Angeles e Osaka. Roma ha visto la più grande caduta nella classifica, e questo per il forte calo del costo dei generi alimentari e dell’abbigliamento.