Scarpe & Scarpe: nuovo piano non prevede fusione con uno dei principali competitor

18 Febbraio 2022, di Redazione Wall Street Italia

Scarpe & Scarpe, operante nei settori calzature, pelletteria, abbigliamento e valigeria, in relazione ad indiscrezioni emerse su vari organi di stampa (che ventilano la possibilità di una fusione tra Pittarosso e Scarpe & Scarpe sotto la regia di Pillarstone, creditore nei confronti di entrambi i gruppi, ndr) ha fornito alcune precisazioni anche in considerazione della Adunanza dei creditori fissata per il 28 febbraio 2022, importante tappa del processo di concordato in continuità.

Scarpe & Scarpe si presenterà a tale appuntamento forte di un piano basato esclusivamente sulle proprie forze e, pertanto, in forma totalmente indipendente da altri operatori del mercato; il piano non prevede alcuna operazione di fusione o integrazione con uno dei principali concorrenti dell’azienda.

Scarpe & Scarpe ha presentato istanza di concordato “in bianco” al Tribunale di Torino in data 4 aprile 2020. Il 21 gennaio 2021 la società ha presentato il primo piano di concordato preventivo in continuità, piano che in seguito è stato ulteriormente migliorato portando all’ammissione alla procedura di concordato in data 9 giugno 2021. Il nuovo CdA indipendente si è insediato il 10 giugno 2021 con Presidente Andrea Gabola (Partner di Ranalli&Associati), Amministratore Delegato Cristiano Portas (già consulente per il piano industriale e di risanamento) e Consigliere Nicola Conti già dirigente aziendale. La Società ha successivamente depositato in data 10 dicembre 2021, un piano industriale aggiornato accompagnato dalla proposta concordataria e dall’attestazione rilasciata da parte del prof. Alberto Tron. In data 14 gennaio 2022, i Commissari Giudiziali, anche ad esito dei positivi riscontri formulati da parte dei loro consulenti tra i quali – per gli aspetti di mercato e di business – Ernst & Young, hanno depositato la relazione ex art. 172 l.fall. ritenendo che “… la Società abbia, sino ad ora, effettivamente perseguito l’obiettivo primario del risanamento dell’impresa mediante il corretto utilizzo dello strumento concordatario”.

Il piano propone, oltre al rimborso integrale per i creditori privilegiati e la proposta transattiva in favore dell’Erario ai sensi dell’art. 182 ter l.fall., un rimborso per i creditori chirografari, del 16% articolato in sei rate semestrali a partire dal gennaio 2024 con la possibilità di un earnout pari ad un ulteriore 4% basato sulla performance economico finanziaria dell’ultimo anno di piano, oltre ad un 2 % circa derivante dalla vendita dei beni messi a disposizione dai precedenti amministratori (Scarpe & Scarpe è controllata al 100% da Sagi Holding S.p.A. i cui azionisti si identificano nella famiglia Pettenuzzo).

“Il piano industriale di risanamento e rilancio che è alla base della proposta concordataria ha evidenziato la solidità e la resilienza della società anche in un anno difficile come il 2021, ancora fortemente caratterizzato dalla recrudescenza della pandemia – afferma Cristiano Portas, Amministratore Delegato di Scarpe & Scarpe – . I risultati conseguiti dalla società in un anno così critico sono stati decisivi sia per l’attestazione del piano, sia per la relazione di Ernst & Young e per quella conclusiva dei Commissari, in quanto ha fornito la conferma effettiva della validità e dell’efficacia delle misure messe in atto dal nuovo CdA e dal management, tramite un profondo processo di razionalizzazione, riorganizzazione e ottimizzazione dei costi.”