Roaming, dal 15 giugno addio ai sovrapprezzi nell’Ue

13 Giugno 2017, di Livia Liberatore

Dal prossimo giovedì 15 giugno nell’Unione europea spariranno tutti i costi di roaming. Si potrà usare il telefono mobile in Europa come si fa in Italia e inviare messaggi, chiamare e navigare su internet senza sovrapprezzi. Il “roam like at home” si applica agli attuali 28 Paesi dell’Unione europea e a Islanda, Lichtenstein e Norvegia. Esclusi invece Svizzera, Albania, Turchia, Principato di Monaco, San Marino e gli altri Stati della ex Jugoslavia, fatta esclusione per la Croazia e la Slovenia (che fanno parte del blocco europeo).

Il regolamento approvato dall’Unione europea ad aprile afferma come regola che si potrà usufruire del roaming a tariffa nazionale purché si trascorra più tempo e si utilizzi più spesso il telefono cellulare nel proprio Paese che all’estero. Chi si trasferisce in modo stabile in un altro Paese Ue non potrà più beneficiare del roam like at home ma dovrà sottoscrivere un abbonamento di telefonia mobile nel nuovo Stato di residenza.