Report Ue su bilancio Italia arriverà dopo referendum costituzionale

16 Novembre 2016, di Laura Naka Antonelli

Il rapporto dell’Unione europea supplementare sul bilancio dell’Italia arriverà a seguito delle riunioni dell’Eurogruppo e dell’Ecofin i prossimi 5 e 6 dicembre. Lo ha detto il commissario agli Affari economici e monetari dell’Ue Pierre Moscovici. Di conseguenza, il verdetto arriverà dopo il referendum costituzionale che si terrà il 4 dicembre.

Qualsiasi eventuale monito alle decisioni del governo Renzi, insomma, non arriverà nei giorni precedenti al voto che gli elettori italiani daranno alle riforme del premier.

Il numero due della Commissione Valdis Dombrovskis ha poi sottolineato:

“Non c’è un termine specifico. Verrà presentato a breve e questo può voler dire un mese o due”, ha poi puntualizzato il vicepresidente della Commissione.

Sulla questione della legge di bilancio dell’Italia per il 2017 e il rischio di inadempienza delle regole del Patto di stabilità e crescita, Moscovici afferma che la Commissione europea terrà comunque conto delle spese straordinarie che dovranno essere sostenute sia per l’emergenza migranti che per il terremoto che ha devastato il Centro Italia.

Il Commissario riconosce che una quota “significativa” della deviazione dei conti dell’Italia, rispetto agli obiettivi di medio termine, deriva da tali costi.

Moscovici ha tuttavia sottolineato, nel presentare i pareri di Bruxelles sui bilanci, che nel caso di Italia e Cipro la deviazione “è più ampia” rispetto a quello degli altri quattro paesi (sei in tutto), che sono stati reputati a rischio di inadempienza sui conti pubblici.