Moscovici: “In Italia debito pubblico troppo alto, circa al 130% del Pil”

10 Ottobre 2016, di Alessandra Caparello

BRUXELLES (WSI) – “Deficit/PIL al 2,4% nel 2017 per l’Italia? Non è la cifra che abbiamo in mente”. Così il commissario UE agli Affari economici e monetari, Pierre Moscovici.

“Il governo italiano lo sa bene. Non penso nemmeno che questa sia la cifra che alla fine raggiungeremo: di nuovo, questo è lo scopo delle discussioni che stiamo avendo. Stiamo discutendo con il Governo italiano con uno spirito costruttivo e positivo. Ma anche con uno spirito serio, perché ci sono regole che devono essere rispettate da tutti gli attori. L’Italia è un partner forte in Europa e questo significa anche mostrare che un Paese voglia dare un esempio”.

Il commissario Ue agli affari economici ha poi lamentato un debito pubblico troppo alto, circa al 130% del PIL.

“Dobbiamo proseguire nella riduzione del deficit perché c’è la necessità di ridurre progressivamente il fardello del debito che sta pesando sul futuro delle giovani generazioni in italia. E riduce anche la possibilità di sviluppare politiche pubbliche che siano forti e positive per l’economia”.

Nel frattempo il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, dopo un incontro bilaterale con Moscovici, parla di un “atteggiamento di grande collaborazione”.

”Non cambio idea sulle previsioni programmatiche per il 2017, anzi le confermo”.