Ivass: “Tassi bassi preoccupano assicurativi di tutto il mondo”

15 Giugno 2016, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – La persistenza dei tassi di interesse bassi o addirittura negativi sulle scadenze più brevi è la principale preoccupazione attuale nel mondo degli assicurativi. A dirlo il numero uno dell’Ivass, Salvatore Rossi, nella sua relazione sull’attività dell’istituto nel 2015.

“Inizierò dal fenomeno che è in questo momento al centro delle preoccupazioni di tutti gli assicurativi del mondo: la persistenza di tassi di interesse bassi, o addirittura negativi sulle scadenze più brevi (…) i margini di interesse mettono sotto pressione il modello di attività dei principali intermediari finanziari (banche, fondi pensione e assicurazioni) proprio in una fase in cui la loro redditività è già debole e la regolamentazione cambia rapidamente”.

Nel nostro paese, come spiega Rossi le imprese assicurative hanno assorbito meglio gli effetti negativi dei tassi bassi da una parte per la componente reddituale assicurata dal ramo Rc auto, dall’altra per il miglior allineamento delle scadenze tra attivo e passivo. Rossi sottolinea inoltre che in Italia per le polizze tradizionali, quelle con rendimenti minimi garantiti i premi sono scesi nel 2015 a 76 miliardi contro gli 84 del 2014. In Germania invece le polizze a rendimento minimo garantito son molto diffuse.