Fmi: in calo la porzione di Pil che va ai salari

10 Aprile 2017, di Alberto Battaglia

La quota di reddito nazionale destinata ai salari è inferiore del 4% rispetto al 1970. Lo scrive il Fmi in un capitolo del World Economic Outlook nel quale si invitano i policy maker a prendere opportune contromisure per affrontare i pericoli per la diseguaglianza. I principali responsabili di questo fenomeno sono tecnologia e integrazione globale: secondo il Fmi queste due cause spiegano il 75% del fenomeno in Italia e Germania, il 50% negli Stati Uniti. A soffrire in modo particolare sono i lavori esposti alla routinizzazione come il manifatturiero in Italia, scrive il Fondo, inoltre “i ribassi nel prezzo relativo degli investimenti sono stati associati con il calo della porzione del reddito nazionale che arriva ai lavoratori”.