Euro balza sopra $1,09, ci potrebbe essere di nuovo bisogno di Draghi

27 Gennaio 2016, di Daniele Chicca

La perdita di terreno dell’euro dall’ultima volta che Mario Draghi ha parlato, una settimana fa, è stata completamente recuperata nei confronti del dollaro. Sui tassi di cambio, infatti, l’euro ora vale più di 1,09 dollari vanificando la svalutazione – che favorisce i paesi esportatori dell’area euro come l’Italia.

Draghi, numero uno della Bce, aveva assicurato che a marzo la banca centrale avrebbe preso in seria considerazione l’idea di varare nuove misure monetarie ultra accomodanti. I tassi di deposito interbancari potrebbero scendere sotto il -0,3% attuale e il Quantitative Easing potrebbe essere potenziato ulteriormente.