Corte Conti Ue: rimpatriato meno di 1 immigrato irregolare su 5 dal 2008

13 Settembre 2021, di Alberto Battaglia

“Dal 2008, ogni anno circa mezzo milione di cittadini non-Ue ha ricevuto un’ingiunzione a lasciare l’Unione perché vi era entrato o soggiornava senza autorizzazione. Tuttavia, meno di uno su cinque è effettivamente ritornato nel proprio paese al di fuori dell’Europa”. Secondo quanto scrive la Corte dei Conti Ue in un rapporto sulle riammissioni, nel periodo 2015-2020, “l’Ue ha compiuto scarsi progressi nel concludere i negoziati per gli accordi di riammissione, che si sono incagliati prevalentemente in annosi problemi, primo fra tutti la clausola sui cittadini di paesi terzi”. Quest’ultima che consente il rimpatrio di persone in un Paese terzo nel quale erano transitate prima di entrare nell’Ue.