Coronavirus, Iran costretto a liberare 85mila carcerati per contenere il contagio

17 Marzo 2020, di Alberto Battaglia

L’Iran, uno fra i Paesi più colpiti dalla pandemia di coronavirus, ha liberato “temporaneamente” 85mila carcerati, inclusi i prigionieri per reati politici, allo scopo di limitare il contagio all’interno delle carceri. La decisione fa seguito alla richiesta inoltrata dal relatore speciale delle Nazioni Unite per i diritti umani in Iran, Javaid Rehman.

In Iran sono morte finora 853 persone mentre il numero dei contagi confermati ha raggiunto quota 14.991.