Caso Skripal: espulsi dagli Usa 60 diplomatici russi, UE prende provvedimenti

26 Marzo 2018, di Alberto Battaglia

Oltre 100 diplomatici russi sono stati espulsi dagli Usa, dai Paesi Ue (Italia inclusa), dal Canada e dall’Ucraina, in risposta al tentato assassinio di una ex spia russa che viveva nel Regno Unito; di questi 60 erano basati nei soli Stati Uniti. È la mossa più ostile mai presa dall’amministrazione Trump contro il Cremlino. Nel dettaglio 48 diplomatici sono stati espulsi dall’ambasciata russa a Washington e 12 presso le Nazioni Unite.

La misura degli Usa si dimostra dunque allineata a quella degli alleati occidentali, nonostante le relazioni ambigue con la Russia di Putin. I listini azionari europei oggi (EuroStoxx 50 in calo di quasi l’1%) hanno risentito delle dichiarazioni di Donald Tusk. Il presidente del Consiglio Europeo, sulla decisione adottata da quattordici Stati membri europei di espellere diplomatici russi. Anche gli Stati Uniti hanno ordinato una sessantina di espulsioni e la chiusura di un consolato. “Altre espulsioni non sono da escludere nei prossimi giorni e nelle prossime settimane”, ha inoltre fatto sapere Tusk.