Btp, rendimento a due anni schizza sopra il 2%: +150 punti base in una mattina

29 Maggio 2018, di Daniele Chicca

Gli investitori fanno fatica a trovare i prezzi esatti dei titoli di Stato italiani, con i rendimenti a breve scadenza che stanno letteralmente schizzando al rialzo. I tassi hanno superato prima l’1% e poi il 2%. Per avere un quadro completo, va ricordato che all’inizio di maggio i rendimenti a due anni scambiavano in territorio negativo. Anche la scadenza decennale di riferimento ha visto i rendimenti salire sopra il 3,11% con lo Spread con i Bund omologhi che scambia sopra i 263 punti base.

In soli tre giorni i trader hanno assistito a un incremento di 200 punti base e ora il Btp a due anni rende anche di più del bond analogo americano. Soltanto nella giornata di oggi il guadagno è stato superiore ai 150 punti base. A pesare sono le prospettive di elezioni anticipate già dopo agosto e una vittoria del fronte anti euro. Gli ultimi sondaggi danno la Lega al 27,5% e il M5S quasi al 30%. Con il veto a Paolo Savona il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha esercitato le sue funzioni – non è stata la prima bocciatura a un candidato ministro – ma rischia di trovarsi ad affrontare uno scenario simile ma ancora più problematico tra qualche mese.