Borse e Bond: Nasdaq ai massimi di sempre, prosegue rimbalzo asset italiani

5 Giugno 2018, di Daniele Chicca

Continua sui mercati la fase di recupero degli asset finanziari italiani dopo le turbolenze della scorsa settimana. Sia BTp sia azionario scambiano in rialzo con il listino Ftse MIB che dopo punte massime di oltre un punto percentuale ora avanza di mezzo punto percentuale, complice la frenata dei bancari. UniCredit cala dello 0,4% dopo le indiscrezioni stampa su un possibile merger con la concorrente francese Société Générale. Il Financial Times sostiene che SocGen abbia preso in esame una fusione dei due colossi negli ultimi 15 anni e negli ultimi mesi ci stanno pensando anche i dirigenti con posizioni alte. La banca francese ha però smentito che si siano tenuti colloqui ufficiali con UniCredit. Le azioni UBI Banca perdono l’1,1% mentre quelle di Banco BPM lo 0,8%.

Va ancora meglio rispetto ai titoli azionari ai bond italiani, con il rendimento del BTp a due anni che scende allo 0,762%, in calo dello 0,27% in seduta. All’apice della crisi politica di una settimana fa, il tasso a breve aveva raggiunto il 2,731%. Intanto a Wall Street l’indice Nasdaq è salito sui massimi di tutti i tempi. I dati macro migliori del previsto sul settore dei servizi hanno spinto il listini dei tecnologici in rialzo di 33 punti circa a quota 7.640. I massimi sono stati toccati a 7.644,479 punti. Il picco precedente era stato raggiunto il 13 marzo a 7.637,26 punti. Il Nasdaq sta andando decisamente meglio degli altri panieri Usa S&P 500 e Dow Jones quest’anno: le prove sono del +10,64%, +2,87% e +0,4% rispettivamente da inizio 2018.