Bce richiama i paesi alla regola del debito. “Rischio elevato di non osservanza”

16 Giugno 2016, di Laura Naka Antonelli

Alert conti pubblici in Eurozona: la BCE di Mario Draghi lancia l’allarme sul “rischio elevato” che “diversi paesi” non rispettino le regole sui debiti che sono state stabilite dalle autorità europee. E’ quanto risulta dal bollettino economico reso noto nella giornata di oggi.

La Bce afferma che è fondamentale “trovare un equilibrio tra il calo di un debito elevato e il bisogno di non ostacolare” la crescita dell’economia. Tuttavia, avverte che è fondamentale “rispettare sempre a pieno” quanto è stato fissato dal Patto di stabilità e di crescita.

“I paesi che dispongono di margini di manovra sui conti pubblici fanno bene a utilizzarli. Tuttavia, i paesi dove tale margine è ormai esaurito, devono continuare ad attuare le misure necessarie tenendo presente l’esigenza di una piena conformità al Patto, e contrastando così i rischi sulla sostenibilità del debito”. In questo modo, ha aggiunto la Bce, le economie possono rafforzare la loro capacità di resistere a eventuali “shock futuri”.

Sui fondamentali economici dell’Eurozona, la Bce ha parlato di una crescita del Pil che prosegue a un ritmo moderato.