BCE, Draghi: “Non ci arrendiamo a inflazione troppo bassa”

7 Aprile 2016, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – “Il 2016 non sarà meno impegnativo dell’anno appena passato per la Bce”. Queste le parole del numero uno dell’Istituto bancario centrale Mario Draghi nell’editoriale del rapporto 2015 dell’istituzione monetaria, presentato oggi al Parlamento europeo dal vicepresidente Vitor Constancio.

Un documento che mette in luce tutte le incertezze sull’economia globale anche se lo stesso Draghi sottolinea come le forti misure di stimolo adottate dalla Bce dimostrano l’impegno a non arrendersi dinanzi ad “un’inflazione eccessivamente bassa, anche di fronte a forse deflazionistiche globali”.

Anzi, secondo Draghi, gli stimoli varati consentono di aggiungere circa 1,5 punti percentuali al PIL dell’area euro sul 2015-2018 e hanno evitato che l’inflazione cadesse a valori ancora più bassi.