Auto: Volkswagen esclude aggregazioni, giù titolo FCA

9 Marzo 2017, di Mariangela Tessa

Fca sotto pressione a Piazza Affari (-1,15% a metà mattinata), dopo che Volkswagen ha escluso eventuali aggregazioni. Nei giorni scorsi le azioni del gruppo guidato da Sergio Marchionne avevano beneficiato della speculazione che scommetteva su eventuali aggregazioni, soprattutto dopo la mossa di Peugeot che da General Motor ha rilevato Opel.

Lo stesso Marchionne, dal Salone dell’auto di Ginevra, aveva detto che a suo parere, prima o poi, la tedesca Volkwagen avrebbe bussato alla porta di Fca, interessata anche ai marchi Alfa Romeo e Maserati. Ieri, però, è arrivata la doccia fredda: Matthias Mueller, ceo del gruppo tedesco, ha dichiarato da Ginevra di non essere assolutamente disposto a colloqui con Fca in quanto Volkswagen ha altre preoccupazioni al momento.

Gli analisti di Equita SIM sono detti abbastanza ottimisti, non ritenendo che si tratti di una chiusura definitiva.
“Non riteniamo che ciò rappresenti una chiusura definitiva, ma quanto meno pensiamo sia un’opzione che non possa essere presa in considerazione nel breve/medio termine, comunque non prima che sia fatta chiarezza sull’indagine dell’EPA a carico di FCA” in merito a un potenziale nuovo dieselgate.