Analisti: i rischi politici domineranno i mercati obbligazionari

15 Febbraio 2017, di Daniele Chicca

Considerando gli eventi politici imminenti e il fatto che i rendimenti dei titoli di Stato hanno margine per aumentare, si prospettano alcune difficoltà per il credito nel 2017. Lo sostiene Alastair Ross, Responsabile Investment Grade EMEA di Columbia Threadneedle Investments, che in una nota rileva come le politiche populiste siano destinate a rappresentare un tema importante, se non quello dominante, per i mercati delle obbligazioni societarie.

“In una fase in cui gli elettorati hanno rifiutato lo status quo, si terranno elezioni nei Paesi Bassi, in Francia e in Germania. Esistono inoltre incertezze relative alle modalità e all’impatto delle trattative sulla Brexit e, potenzialmente, all’eventualità che il presidente Trump dia seguito alle sue affermazioni aumentando il protezionismo a spese del libero scambio. Se le imposte sulle società negli Stati Uniti vengono ridotte dal 35% al 15%, come hanno suggerito Trump e la sua squadra, il ricorso al debito perderà parte della sua attrattiva dal punto di vista fiscale. Di conseguenza, le società potrebbero ridurre l’indebitamento presente nelle loro strutture di capitale”.