NEW YORK: NASDAQ VA GIU’, SALE IL GREGGIO

30 Luglio 2008, di Redazione Wall Street Italia

Gli indici azionari di Wall Street si rimangiano gran parte dei guadagni della seduta e il Nasdaq gira in negativo per colpa di una nuova fiammata dei prezzi del greggio e della flessione dei titoli finanziari (controlla la performance in tempo reale). Riducono i rialzi, pur mantenendosi sopra la parità, Fannie Mae e Freddie Mac. Le due società di mutui guadagnano rispettivamente il 3,45% e l’1,43% dopo esser salite oltre il 7% sulla notizia che la Sec ha prolungato fino al 12 agosto la norma di emergenza che limita la vendita allo scoperto su 19 titoli Usa tra cui anche i loro. All’interno del settore bancario, scivola in rosso American Express (-1,09%), mentre Jp Morgan è debole a +0,15%.

Mentre il Nasdaq scivola in rosso, S&P500 e Dow Jones Industrials hanno perso gran parte dei guadagni di inizio seduta, un rally che era stato innescato dal rapporto ADP relativo all’occupazione nel settore privato, da cui e’ emerso un trend in miglioramento che ha sorpreso gli analisti. Il dato ha lasciato ben sperare sul report di venerdi’ prossimo, per il quale gli analisti stimano una perdita di 65 mila posti ed un aumento del tasso di disoccupazione al 5.6%.

Il dato sulle scorte settimanali di petrolio ha avuto l’effetto di far schizzare al rialzo le quotazioni dell’oro nero. A sorprendere in negativo sono stati gli stock di benzina, che hanno registrato il primo calo delle ultime 5 settimane. In questo momento, i futures con consegna settembre segnano un forte rialzo di $3.01 (+2.46%) a $125.20 al barile.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sul fronte societario, Corning (GLW) ha riportato risultati in linea con le attese, Hess (HES) ha annunciato un aumento del 62% dei profitti. Il gigante dell’entertainment Walt Disney (DIS) e la catena di coffee-shop Sturbucks (SBUX) riporteranno i risultati fiscali subito dopo la chiusura delle borse.

All’indomani della strepitosa trimestrale di U.S. Steel (X), il leader mondiale dell’acciaio ArcelorMittal (MT) ha riportato profitti piu’ che raddoppiati rispetto allo scorso anno ed annunciato un outlook incoraggiante per il terzo trimestre.

Pressioni al ribasso per le societa’ farmaceutiche Elan (ELN) e Wyeth (WYE) a causa dell’assenza di risultati rilevanti nella Fase II dello studio di un farmaco contro l’Alzheimer. Viacom (VIA) potrebbe essere particolarmente attivo sopo aver riportato un calo dei profitti ed un aumento del 21% dei ricavi.

Si muovono al rialzo tutti i titoli del settore mutui immobiliari: il presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, ha firmato il pacchetto di misure di aiuto mirato al rilancio dell’intero settore case.

Sugli altri mercati, sul valutario, l’euro e’ stabile rispetto al dollaro a 1.5590.

parla di questo articolo nel Forum di WSI