NASDAQ: TEMPO DI DISCIPLINA

21 Febbraio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Ogni volta che una bolla iperbolica scoppia come e’ successo recentemente per il Nasdaq, occorre poi molto tempo per la ripresa.

Forse verso la fine del mese assisteremo ad un rally temporaneo, ma a questo punto occorre attendersi come minimo una serie di rialzi e ribassi alternati nei prossimi 12 mesi.

Anzi: in generale, le condizioni del mercato mostrano nella migliore delle ipotesi la presenza di un andamento altalenante per i prossimi due anni.

Negli ultimi 11 mesi siamo stati in presenza di un clima negativo e ci vorra’ un po’ di tempo prima che la debolezza dei mercati possa scomparire completamente.

Molti investitori potrebbero trovare piu’ conveniente aumentare le posizioni di liquidita’ e attendere che i principali indicatori si rialliniino, preparandosi a un forte trend di rialzo, cosi’ come capitato dal novembre 1999 al marzo 2001.

In questo clima di mercato, e’ fondamentale comportarsi con disciplina. Per farlo occorre reagire con prontezza, piu’ velocemente della concorrenza.

E’ buona idea, poi, prestare attenzione alle opinioni di operatori professionisti per cercare di capire in che direzione il mercato sta puntando, visto che l’attegiamento e’ destinato a cambiare molto rapidamente.

Insomma, traendo le somme, e’ bene mantenere la cautela. Occorre ricordarsi che, se esitare significa perdere opportunita’ di comprare a prezzi bassi e trarre profitto, alla fine e’ comunque meglio non innervosirsi e mantenere la calma.

Anche se c’e’ la possibilita’ di perdere significativi rialzi percentuali su uno o due titoli, con la cautela ci si protegge dalle perdite, in attesa di sfruttare a prorio favore le disparita’ del mercato. In ultimo, fare trading in un trend ben delineato non e’ solo piu’ sicuro, ma offre molte piu’ opportunita’ di profitto.

Il Nasdaq si trova attualmente a 2.318. L’analisi tecnica dell’indice mostra che questo sta puntando al ribasso verso quota 2.251,71. Vi sono pochissime indicazioni sul fatto che questo minimo possa reggere e nel lungo termine il trend appare ancora negativo.

Quindi, confermiamo i nostri commenti precedenti, secondo cui il Nasdaq non raggiungera’ il fondo finche’ non raggiungera’, e molto probabilmente sfondera’ in negativo, quota 2.000 punti, piu’ nello specifico verso area 1.779.

Qualora il Nasdaq riesca a rimbalzare verso l’alto, prevediamo che questa sia un’azione di breve durata che lo porterebbe verso quota 2.536,62, un supporto molto debole.

I traders devono osservare con molta attenzione le proprie posizioni come abbiamo ricordato precedentemente, visto che attualmente il Nasdaq gioca al tiro alla fune con rialzisti e ribassisti.

*Michele Mondiello e’ Chief Market Analyst presso Wall Street Italia.