NASDAQ LIMA PERDITE DOPO ALLARME INFLAZIONE

27 Aprile 2000, di Redazione Wall Street Italia

Tutte le borse limano le perdite nella prima mezz’ora di contrattazioni negli Usa, dopo aver aperto in forte calo sull’ultimo dato sull’inflazione. Il volume di vendite, ampio in apertura, si e’ ristretto nella misura in cui gli indici hanno raggiunto solidi livelli di supporto.

Il Dipartimento del Lavoro Usa ha comunicato oggi che l’indice del costo del lavoro (employment cost index) e’ cresciuto nel primo trimestre dell’1,4%, rispetto all’1% registrato nel quarto trimestre del 1999. Wall Street si aspettava una diminuzione allo 0,9%. (vedi storia WS).

La notizia ha rafforzato il timore di investitori e traders che la stretta monetaria da parte della Federal Reserve attesa per il prossimo 16 maggio potrebbe essere piu’ forte del previsto.

Come accade di solito nel caso di timori su inflazione e tassi, i titoli piu’ a rischio oggi sono quelli dei settori ciclico e finanziario.

(verificare aggiornamenti in tempo reale indici in prima pagina)

Tra i maggiori titoli in movimento questa mattina alla borsa di New York:

Grande attesa oggi sul mercato per il debutto della divisione wireless di AT&T (T). La societa’ di telefonia ha fissato il prezzo di collocamento a 29,5 dollari per azione. Sul mercato andranno 360 milioni di azioni, circa il 15,6% del capitale della società, per un valore complessivo di 10,6 miliardi di dollari. A un’ora e mezza dall’apertura, il titolo (T) perde quasi il 3%.(vedi storia WSI)

Nel settore del commercio online, Amazon.com (AMZN) perde piu’ del 4% anche dopo che la libreria virtuale ha annunciato una perdita inferiore al previsto, di 122 milioni di dollari, cioe’ 35 centesimi ad azione (il triplo rispetto ai 12 centesimi dello stesso periodo dell’anno scorso).(vedi storia WSI)

Nel settore biotecnologico, Celera Genomics (CRA) e’ in ribasso del 4%. La societa’, che sta concentrando i suoi sforzi per tracciare la mappa del genoma umano, ha riportato per il terzo trrimestre fiscale perdite di 45 centesimi per azione, in rialzo rispetto ai 25 centesimi dell’anno precedente.

Nel settore dei telefoni cellulari, la finlandese Nokia (NOK) ha riportato per il primo trimestre un fatturato di 891 milioni di euro, in rialzo del 76% rispetto all’anno scorso. Il titolo registra attualmente un rialzo di quasi il 3%.

Nel settore informatico, BroadVision (BVSN) e’ in rialzo dell’11% dopo che la societa’ ha riportato per il primo trimestre 2000 profitti di 4 cenetesimi per azione, superiori alle aspettative di un centesimo.

Nel settore assicurativo, Aetna (AET) ha annunciato per il primo trimestre profitti di 1,29 dollari per azione, in rialzo di 1,01 dollari rispetto al 1999. Il titolo sembra reagire positivamente all’annuncio e guadagna il 4%.

In altri settori, Merrill Lynch ha iniziato la copertura di FreeMarkets (FMKT) con un rating “Accumulate” sul breve periodo e “Buy” nel medio periodo. Il titolo, che era in forte rialzo nel preborsa, guadagna attualmente il 3,5%.