Nasa: scoperti due nuovi pianeti gemelli della Terra

21 Dicembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York – Sono due i pianeti fratelli della Terra. Li ha messi a fuoco il telescopio Kepler della Nasa che li ha individuati, ribattezzandoli poi Kepler 20e e Kepler 20f4. Fanno parte dello stesso sistema solare e orbitano intorno alla stella Kepler-20: un astro più freddo del Sole che si trova a 950 anni luce dalla Terra.

A differenza della Terra però, sono troppo caldi, senza acqua e difficilmente possono ospitare vita. Un dettaglio che non toglie di una virgola il valore di questa scoperta. Secondo gli scienziati quello compiuto è, infatti, un enorme passo avanti nel tracciare la mappa di pianeti come la Terra.

Lo dice apertamente l’astronomo Francois Fressin del centro americano per l’astrofisica Harvard-Smithsonian, nonché principale autore del nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature: “L’obiettivo primario della missione Kepler è quello di trovare pianeti delle dimensioni della Terra che possano essere abitabili”.

“Questa scoperta – ha continuato – dimostra per la prima volta che esistono pianeti della stessa dimensione della Terra intorno ad altre stelle, e soprattutto che noi siamo in grado di individuarli”. Lo scorso 5 dicembre i ricercatori avevano invece annunciato la scoperta di Kepler -22b, un piccolo pianeta dove non si esclude di trovare qualche forma di vita.