Napolitano lavora al dopo Renzi, pensa a Mario Monti

7 Ottobre 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – L’ipotesi che Matteo Renzi possa fare un passo indietro qualora al referendum costituzionale di dicembre dovesse prevalere il NO e’ un’ipotesi non esclusa da Giorgio Napolitano.

Anzi, secondo il Fatto Quotidiano, l’ex presidente della Repubblica sarebbe al lavoro per definire una possibile exit-strategy. In particolare, stando alle indiscrezioni del quotidiano diretto da Marco Travaglio, Napolitano avrebbe in mente un piano con l’ex premier Mario Monti tra i protagonisti.

Secondo il Fatto Quotidiano, soltanto qualche giorno fa Napolitano è stato pizzicato in aula al Senato mentre conversava con Monti: “Mario, ma tu andresti a fare il ministro dell’Economia?”.

Come si legge a questo proposito su Libero Quotidiano. it:

S”econdo i rumors che circolano a Palazzo Madama, da tempo a Napolitano interesserebbero in modo relativo le sorti di Renzi: si starebbe insomma preparando al futuro, tutto da scrivere se vincesse il “no”. Il sondaggio fatto con Monti sarebbe da inquadrare nel contesto di un governo istituzionale probabilmente guidato da Pietro Grasso, oggi presidente del Senato, dunque terza carica dello Stato e prima “figurina” utile per riempire l’eventuale vuoto a Palazzo Chigi. Sul tavolo, comunque, ci sarebbero altre strade: un Renzi-bis oppure un governo guidato da Pier Carlo Padoan. Come è noto, sarebbe “caldo” anche il nome di Dario Franceschini, che da tempo, dietro alle quinte, lavora alla costruzione di un futuro in alto. Molto in alto, se possibile”.