MONETARIO: LE TENSIONI SI STANNO ALLENTANDO

13 Maggio 2008, di Redazione Wall Street Italia

*Questo documento e’ stato preparato da MPS Capital Services ed e’ rivolto esclusivamente ad investitori istituzionali ovvero ad operatori e clientela professionale ai sensi dell’allegato n.3 al
reg. n.16190 della Consob. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale
di WSI.

(WSI) – Tassi di interesse: in area Euro i tassi di mercato sono saliti con lo spread 2-10 anni sceso a 25 pb. In Italia la produzione industriale di marzo ha confermato la debolezza del paese, registrando un calo del 2,5% a/a da -0,7%. Il dato ha risentito soprattutto del calo del settore dei beni durevoli ed avvalora l’ipotesi di una crescita debole anche per il primo trimestre.

Trichet in un’intervista ha dichiarato che l’economia italiana ha bisogno di maggior crescita e più produttività. Relativamente al cambio Trichet ha affermato che la Bce è preoccupata di fronte a movimenti repentini. Infine secondo Gonzalez-Paramo le iniezioni di liquidità hanno ridotto la volatilità e sono riuscite a contenere il rischio, definendo corretta la politica monetaria dell’istituto. Oggi gli operatori resteranno in attesa dell’apertura del mercato statunitense e della pubblicazione dei dati macro. Sul decennale il supporto si colloca a 3,99% e la resistenza a 4,06%.

Negli Usa tassi di mercato in rialzo sulla scia del recupero dei listini azionari trascinati da tutti i settori, a partire da quello dei beni di consumo e quello finanziario. Quest’ultimo comparto è stato supportato dalla conferma da parte della compagnia assicuratrice MBIA di avere liquidità sufficiente. Nel comparto dei beni di consumo aumentano le aspettative positive per le relative trimestrali, a partire oggi da quella della catena di magazzini Wal Mart.

E’ giunta anche la notizia di una possibile trattativa in corso per l’acquisizione di EDS da parte di Hewlett-Packard. Nel frattempo HSBC ha dichiarato che il calo del settore immobiliare Usa potrebbe durare per almeno un altro anno.

Sul mercato monetario si registra un marcato restringimento del c.d. Ted spread (differenziale tra tassi dei titoli governativi a 3 mesi e tasso Libor di analoga scadenza) arrivato ai minimi da circa tre mesi, ad indicazione del fatto che le tensioni stanno gradualmente rientrando. Nel breve ribadiamo il supporto a quota 3,75% sul decennale.

Valute: Dollaro in deprezzamento vs. Euro. I movimenti di questi giorni appaiono guidati soprattutto da considerazioni di carattere tecnico in attesa di dati macro più rilevanti come le vendite al dettaglio Usa di oggi. La tenuta del supporto a quota 1,5370 propone come principali resistenze 1,5525 e 1,5650. Yen in deprezzamento vs. Dollaro sulla scia del positivo andamento dei mercati azionari. Nel breve la principale resistenza si colloca a 104,40. Vs Euro le due principali resistenze si collocano a 161,50 e 162,30. Nel frattempo il devastante terremoto in Cina sta impattando anche sulle forniture energetiche del paese, in particolare di gas visto che circa il 40% delle riserve del paese sono situate nella zona del disastro.

Materie Prime: dopo aver toccato ieri un nuovo record a 126,40$/b il prezzo del petrolio è sceso attestandosi a 124,23$/bar. Il movimento al ribasso è stato determinato dal timore che prezzi troppo elevati possano riflettersi in un drastico taglio della domanda nei mercati emergenti e dall’aspettativa di un ulteriore incremento delle scorte USA. Andamento positivo per quasi tutti i metalli industriali. Tra i migliori il piombo ed il rame che guadagnano rispettivamente il 2,45% ed l’1,98%. Performance negativa dell’oro in seguito alla diffusione della notizia che la Gold Field’s Ltd., seconda produttore africano, intende aumentare la produzione del 14% entro il prossimo anno. Mais e soia scendono su previsioni meteo favorevoli, mentre il grano guadagna in seguito alla decisione del Pakistan di incrementarne le riserve.

Copyright © MPS Capital Services. All rights reserved

scrivi la tua opinione “live” sul Forum di WSI