MINUTE: LA FED COSTRETTA A FORZARE LA MANO

8 Aprile 2009, di Redazione Wall Street Italia

Dai dettagli sull’incontro del FOMC svoltosi il 17-18 marzo, e’ emerso che negli ultimi mesi l’economia americana ha subito un ulteriore deterioramento, in parallelo ad un rallentamento delle attivita’ estere.

I membri del braccio operativo della Fed convengono sul fatto che i tassi d’interesse a breve resteranno “eccezionalmente bassi” ancora per diverso tempo (al momento sono compresi in una forchetta dello 0%-0,25%) e che il tasso di disoccupazione salira’ “in maniera piu’ intensa” nel 2010.

Nessun dissenso tra i membri sul programma di acquisto di Treasury e di altri asset a lungo termine da parte della Banca Centrale, mentre lo staff degli economisti ha rivisto al ribasso le stime sul Prodotto Interno Lordo del secondo trimestre 2009 e del prossimo anno.