MILANO: SEMPRE PIU’ PESANTE, MIBTEL A -2,30%

11 Aprile 2000, di Redazione Wall Street Italia

A Piazza Affari si respira aria pesante con pochi scambi e poche idee per gli investitori. Il Mibtel cede il 2,30% a 30683 punti e il Mib 30 il 2,33% a 45.092 punti.

Dopo la pesante chiusura del Nasdaq di ieri è il Nuovo Mercato a soffrire più di tutti sempre che Wall Street quest’oggi non si presenti con le pistole cariche e riporti in alto il suo listino.

Per ora Tiscali scende del 9,61%, Cdb -8,01%, Opengate -7,62%, Poligrafico S.Faustino -6,73%, E.Bisccom a -6,68%, I.Net a -6,24% e via di seguito le altre.

Anche il Mib 30 regista pesanti perdite: Le Seat a -5,02%, Mediaset a -4,9%.

In calo tutti i telefonici: Tecnost a -4,19%, Tim -4,01%, Telecom a -2,23%, Olivetti a -4,26%.

In rialzo i due titoli che quest’oggi hanno concluso il lungo cammino verso l’integrazione della Banca Intesa e della Comit. La prima guadagna l’1,9% e la Commerciale l’1,06%.