I migliori e peggiori titoli di Piazza Affari nel 2019

30 Dicembre 2019, di Alberto Battaglia

Per Piazza Affari il 2019 volge alla conclusione con una performance vicinissima a quella dello S&P 500. Al 30 dicembre l’indice di riferimento di Piazza Affari ha messo a segno una performance del 28,64%, contro il 29,72% dello S&P 500. A Wall Street trionfano come titoli migliori da inizio anno due nomi tech: Apple (+83,45%, miglior titolo del Dow Jones) e Advanced Micro Devices (+146,75% il migliore dello S&P 500).

A Piazza Affari invece è un titolo del risparmio gestito a battere di gran lunga le performance della media del mercato e i maggiori “rivali” del listino Ftse Mib. Azimut, con una performance al 30 dicembre del 128,25% precede sul podio Stmicroelectronics e Amplifon. Unico titolo che accusa un segno meno quest’anno è quello Pirelli (-7,99%), mentre tutti gli altri fanno segnare una performance che, nella gran parte dei casi è a doppia cifra. Rientrano nel club dei titoli deludenti 2019 anche quello del colosso petrolifero Eni (+1,16%) e Fca (+4,75%). E a proposito di auto, è notevole lo slancio di Ferrari, quarto miglior titolo del listino maggiore con il 71,47% di incremento al 30 dicembre.

Nonostante il miglioramento sul fronte dei crediti deteriorati, poi, continua a sottoperformare il comparto bancario: il Ftse Banche, infatti, ha messo a segno un progresso da inizio anno del 23,38%, cinque punti abbondanti in meno dell’indice di riferimento. Primo per performance nel comparto bancario è Banca Generali (+60,29%) seguito a distanza da Bper Banca.

I titoli che hanno sovraperformato il Ftse Mib

  1. Azimut 128.25%
  2. Stmicroelectronics 95.91%
  3. Amplifon 82.49%
  4. Ferrari 71.47%
  5. Diasorin 63.37%
  6. Banca Generali 60.29%
  7. Buzzi Unicem 48.42%
  8. Exor 46.89%
  9. Hera 46.21%
  10. Poste Italiane 45.19%
  11. Enel 40.38%
  12. Moncler 38.54%
  13. Leonardo 36.82%
  14. Saipem 34.00%
  15. Bper Banca 33.68%
  16. Mediobanca 33.60%
  17. Unicredit 31.74%
  18. Unipol 31.24%
  • Ftse Mib 28.64%

… e quelli sotto la media del mercato italiano

  • Prysmian 28.04%
  • Juventus FC 27.40%
  • Generali Assicurazioni 26.10%
  • Cnh Industrial 25.94%
  • Recordati 24.69%
  • Snam 22.55%
  • Finecobank 22.18%
  • Intesa Sanpaolo 21.43%
  • Terna 20.37%
  • Ubi Banca 15.48%
  • Atlantia 15.38%
  • Telecom Italia 15.27%
  • Campari 10.56%
  • Italgas 9.17%
  • Tenaris 6.62%
  • Salvatore Ferragamo 6.49%
  • A2a 6.30
  • Fca 4.75%
  • Banco Bpm 3.35%
  • Eni 1.16%
  • Pirelli & C. -7.99%