MICROSOFT ANNUNCIA BUONI UTILI, MA IL TITOLO CALA

19 Gennaio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Un esempio da manuale di ”compra al rumor, vendi quando esce la notizia”. Infatti, nonostante abbia annunciato a borsa chiusa martedi’ utili superiori alle aspettative per il secondo trimestre, Microsoft (MSFT) e’ stata investita nelle contrattazioni elettroniche del dopo-borsa da una pioggia di vendite, che hanno portato il titolo in ribasso di 3 e 5/16 a 112.

Prima dell’annuncio dei risultati Mr. Softee (il nomignolo di Microsoft a Wall Street) aveva messo a segno un discreto rally, contribuendo anche al forte rialzo del Nasdaq, salendo di 3 e 1/16 a 115 e 5/16. Cio’ vuol dire che il guadagno e’ stato interamente cancellato.

Il colosso del software ha riportato un utile netto di 2,44 miliardi di dollari, cioe’ 44 centesimi ad azione (piu’ dei profitti globali di tutto il 1996), un aumento del 22% rispetto ai 36 centesimi dello scorso anno, e un risultato che comunque e’ superiore ai 42 centesimi stimati dagli analisti.

Il direttore finanziario dell’azienda di Seattle, John Connors, ha poi fatto qualche commento sull’anno fiscale in corso. Per Connors la crescita delle vendite rimarra’ moderata nel 2000; gli analisti tuttavia hanno notato parole di cautela soprattutto circa le prospettive a breve termine della domanda di personal computer, e inoltre circa la spesa delle aziende per l’acquisto di software.