MIBTEL TOCCA IL 2%, VOLANO TIM E FINMECCANICA

23 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Milano prova ad ingannare l’attesa dei resoconti del capo della Federal Reserven Alan Greenspan, portando in ampio campo positivo tutti i suoi indici a un’ora dalla chiusura.

Il Mibtel guadagna il 2,00% a 32.362 punti. Il Mib 30 sale del 2,03% e il Midex del 2,30%.

Più titoli continuano a interessare gli investitori.

Sugli scudi le azioni Finmeccanica in progresso dell’8,03% in contemporanea con le dichiarazioni del ministro dell’Industria Letta che ha dichiarato di attendere dall’azienda informazioni sul partner di Alenia.

Bene tutti i telefonici, capinati dalle super Tim, a +7,94%. Tecnost seguono a +4,74%, Telecom a +3,23% e Olivetti a +1,41%.

Riprendono la corsagli editoriali tra cui Seat che dopo giorni di realizzi ritira su la testa a +2,5%. Liquidità ancora su Mediaset a +4,19%.

Guadagnano gli energetici con Enel a +3,93% e Edison a +1,6%.

Giu le Eni a -2,06%, mentre le Fiat dopo aver perso il 10% in due giorni, prendono l’1,22%.

Denaro anche sulle municipalizzate tra cui le Acea a +4,49%.

Giornata contrastante per i bancari segnati dalle prese di realizzo sulle Fideuram (-3,99%) e sulle Bipo Carire.