Metà dei britannici vuole abbandonare l’UE

18 Febbraio 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Solo un britannico su tre voterebbe a favore della possibilita’ che il paese giochi ancora un ruolo importante nell’Unione Europea, continuando a farne parte.

Nel caso in cui ci fosse un referendum sulla materia, meta’ degli interpellati in un sondaggio condotto da Harris Interactive per il Financial Times hanno ha ammesso che voterebbe invece contro e dunque per un’uscita di Londra dal blocco a 27 che avrebbe un impatto devastante sull’unita’ dell’Europa. Il 17% del campione non voterebbe ne’ contro ne’ a favore.

I risultati hanno messo in allarme i circoli filo europeisti del Regno Unito, perche’ dimostrano come il sentiment euroscettico stia facendo sempre piu’ presa nel popolo britannico.

Intanto il premier e leader dei conservatori David Cameron va avanti a testa bassa: se sara’ rieletto nel 2017 il referendum si terra’. Il 50% delle persone interpellate e’ a favore della decisione e solo il 21% si oppone.

Si tratterebbe dle primo voto popolare nazionale sull’Europa dal 1975, quando Harold Wilson, il primo ministro Labourista, chiese alla sua gente di votare a favore o contro l’appartenenza alla Comunita’ Economica Europea.