MERRILL LYNCH VENDE BLOOMBERG E BLACKROCK?

7 Luglio 2008, di Redazione Wall Street Italia

*Questo documento e’ stato preparato da MPS Capital Services ed e’ rivolto esclusivamente ad investitori istituzionali ovvero ad operatori e clientela professionale ai sensi dell’allegato n.3 al
reg. n.16190 della Consob. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale
di WSI.

(WSI) – Tassi di interesse: in area Euro la settimana si è conclusa con un calo dei tassi in una giornata scarna di volumi a causa della chiusura dei mercati statunitensi. Il differenziale di curva si è ristretto portandosi ad 8 pb dagli 11 pb del giorno precedente. Oggi in Giappone inizia il G8 che avrà in agenda il tema del rialzo dei prezzi determinato dal forte incremento delle materie prime oltre a quello dei cambiamenti climatici.

Barroso, presidente della Commissione europea, ha già annunciato che la Commissione destinerà 1 Mld€ di aiuti all’agricoltura nei paesi in via di sviluppo. Sempre oggi si riuniscono i ministri della Finanze per il consueto appuntamento alla vigilia dell’Ecofin. I ministri valuteranno nuovi provvedimenti volti a calmierare i timori dei mercati finanziari, come la possibilità di ridurre le accise sulla benzina.

Sul fronte inflazione le breakeven inflation continuano a rimanere sostenute soprattutto nel comparto fino a 5 anni. Relativamente al mercato azionario, un settimanale svizzero ha riportato la notizia secondo cui le autorità del paese potrebbero chiedere ad Ubs e Credit Suisse di accantonare in totale 70 Mld Franchi Svizzeri. Oggi oltre alla produzione tedesca non sono attesi dati di rilievo e gli operatori resteranno in attesa di notizie sul fronte azionario e dei discorsi dei membri Fed in settimana. Sul decennale il supporto si colloca a 4,45% e la resistenza a 4,58%.

Mercato ricco di insidie ma anche di opportunita’. E con news gratis, non vai da nessuna parte. Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Negli Usa dopo la giornata di chiusura dello scorso venerdì, riprendono oggi le contrattazioni in un contesto in cui l’attenzione è fortemente concentrata sull’andamento del comparto finanziario e di quello automobilistico. Nel primo caso siamo nella settimana antecedente a quella che vedrà la pubblicazione dei dati trimestrali delle principali banche Usa. A tal proposito cominciano ad emergere alcune indiscrezioni riportate dal WSJ, secondo cui Merrill Lynch starebbe valutando la possibilità di vendere due importanti partecipazioni, quella in Bloomberg (stimata in circa 5Mld$) e quella parziale in BlackRock (valutata circa 12Mld$).

Sul fronte automobilistico lo stesso WSJ anticipa i contenuti del CdA di General Motors che si terrà ad inizio agosto, che dovrebbe avere all’ordine del giorno la decisione di procedere al licenziamento di migliaia di impiegati e di riduzione del numero di marchi di proprietà, con l’obiettivo di ritorno all’utile nel 2010. Per oggi ribadiamo il supporto a 3,90% sul decennale.

Valute: Dollaro in marcato apprezzamento vs. Euro dopo la riunione della Bce di giovedì ed in attesa di possibili dichiarazioni dei partecipanti al G-8 iniziato oggi ad Hokkaido in Giappone e che potrebbe far emergere una volontà più concreta e congiunta di consentire un apprezzamento più corposo del Dollaro per combattere l’inflazione, divenuta una minaccia per tutte le principali economie del globo. I due principali livelli di supporto si riscontrano in prossimità di 1,5615 e 1,557. Dollaro in apprezzamento anche nei confronti dello Yen. L’area di resistenza principale sul cross si colloca a 108,35-108,60. Lo Yen è rimasto stabile nei confronti dell’Euro con il cross non molto distante dai massimi storici. I supporti si collocano a 167,14 e poco sopra 166.

Materie prime: oggi riprendono le normali contrattazioni sulle materie prime dopo la chiusura dei mercati Usa di venerdì scorso. A Londra la giornata era stata caratterizzata dalla debolezza dei metalli industriali penalizzati dall’apprezzamento del Dollaro. Tra i peggiori il rame (-1,96%) ed il solito piombo (-2,5%). Questa mattina il greggio è in calo poco sotto i 144$, ma resta ancora su livelli elevati. L’Iran ha segnalato che manterrà il proprio procedimento di arricchimento dell’uranio, contribuendo a rinnovare i timori di un possibile attacco dopo che venerdì scorso erano invece giunti segnali di allentamento delle tensioni.

Copyright © MPS Capital Services . All rights reserved

scrivi la tua opinione “live” sul Forum di WSI