MERRILL BOCCIA TISCALI, DUBITA PAREGGIO NEL 2001

5 Luglio 2001, di Redazione Wall Street Italia

La banca d’affari Merrill Lynch ha detto oggi che dubita che Tiscali possa raggiungere il pareggio nel quarto trimestre del 2001.

“Anche se Tiscali continua ad insistere di essere sulla strada del breakeven alla fine del quarto trimestre, riteniamo che la difficile situazione in cui opera renda il compito difficile”, ha detto Merill in un comunicato.

Merrill prevede che Tiscali registrerà una perdita di €60 milioni nel secondo trimestre 2001, peggio della perdita di €58 milioni nel primo trimestre, e aggiunge che il risultato e’ destinato a migliorare solo se Tiscali “raggiunge una significativa crescita organica dei ricavi. Una possibilita’ ma non scontata”.

La banca giudica il titolo ‘neutral’ nel breve periodo e ‘accumulate’ (accumulare) nel lungo periodo.

Secondo Merrill, Tiscali deve ridare ossigeno alla crescita organica dei ricavi senza abbandonare il ‘free model’ adottato per la connettivita’, cioè la connessione gratis a Internet. Tiscali deve anche registrare un miglioramento nei costi di rete e di tlc in piu’ Paesi e garantire che le controllate recentemente acquisite possano raggiungere il pareggio entro il quarto trimestre, una volta introdotte nel perimetro di consolidamento.

Al Nuovo Mercato il titolo di Tiscali è sceso sotto quota €9 e adesso viaggia in terreno negativo con un ribasso del 2,53% a €8,93.

(Vedi Tiscali: dal satellite una speranza di riscatto)

SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:


Piazza Affari: Tiscali, un destino a €6