Mercati: siamo nell’occhio di un ciclone finanziario

17 Giugno 2010, di Redazione Wall Street Italia

E’ facile puntare il dito contro i ribassisti, che stanno complottando contro il mondo della finanza. Dopo il peggiore decennio della storia per i mercati, si sono meritati per lo meno il beneficio del dubbio.

Con le prime pagine che continuano ad essere riempite da titoli apocalittici e con lo stato d’animo delle classi sociali a tutti i livelli ancora sotto i tacchi, il vero indicatore ribassista che conta potrebbe essere il malcontento generale.

Alcuni ritengono invece che il periodo prolungato di prestazione sotto la media sia in realta’ persino costruttivo e come ci insegna quanto avvenuto in passato, ci attendono ritorni a doppia cifra nel prossimo futuro.

Tutto vero, se non fosse per la fragilita’ insita nei mercati globali e nelle dimensioni esagerate degli squilibri.

Da tempo ne parliamo su queste pagine: uno dei problemi e’ che le droghe iniettate dal governo mascherano i sintomi e i malanni del mercato, dopo anni di spese folli anzi che di cure a base di deflazione delle classi di asset e di ristrutturazione del debito.

Il mercato nelle ultime sedute e’ stato anche troppo docile, ma ci sono tutti i presupposti che fanno pensare che siamo nell’occhio di un ciclone finanziario.

>>>>>PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO, RISERVATO A MONEY MANAGER E GESTORI DI FONDI, E’ RICHIESTO L’ABBONAMENTO A INSIDER. Ci si puo’ abbonare in pochi secondi. Per 1 mese, costa solo 0.86 euro al giorno.