Mercati: l’alternativa al cash sicura e con rendimenti garantiti

14 Settembre 2016, di Daniele Chicca

NEW YORK (WSI) – Di tutti i mercati finanziari, quello più a rischio è quello dei bond e non l’azionario. Oltre al consiglio di stare alla larga dai bond, il CEO e presidente dell’American College of Financial Services, dispensa anche un altro prezioso consiglio per i piccoli risparmiatori e investitori nell’era dei tassi zero.

Chi volesse avere un portafoglio investimenti sicuro e ha un orizzonte di investimento a lungo termine, si può anche permettere di inserire in portafoglio titoli blue chip sicuri e titoli azionari con alti dividendi, come alternativa a contanti e titoli di Stato indicizzati all’inflazione che non rendono pressoché nulla.

Quello che ha avuto da dire Roberto Johnson in un’intervista concessa al quotidiano USA Today non piacerà per niente ai fautori dei bond. Secondo lui i trader si dimenticano troppo spesso di quanto elevati e ingiustificati siano i prezzi dei titoli a reddito fisso.

Nell’intervista Robert Johnson condivide le sue opinioni sulla fase di mercato rialzista più lunga della storia per l’azionario. Secondo lui, nonostante la corsa record, non sono le Borse a essere pronte a battere ritirata, bensì i titoli obbligazionari.

“In pratica è dal 1981 che il mercato obbligazionario sta attraversando una fase toro. Gli investitori discutono spesso degli sviluppi ul mercato azionario, dimenticando quanto sono alte le valutazioni nel mercato dei bond“.