Maxi furto informatico ai bancomat: rubati $45 milioni

10 Maggio 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – In una colossale rapina in banca, una cyber organizzazione globale ha rubato 45 milioni di dollari da due banche mediorientali, attraverso l’hackeraggio di società che gestiscono carte di credito e ritirando denaro dai Bancomat in 27 Paesi. Lo hanno riferito gli inquirenti e ne ha parlato il New York Times.

Il Dipartimento della Giustizia Usa ha formalmente accusato otto uomini di aver dato vita alla cellula con base a New York dell’organizzazione, e ha detto che sette di loro sono stati arrestati. L’ottavo, ritenuto il capo della callula, sarebbe stato ucciso nella Repubblica Dominicana lo scorso 27 aprile.

I vertici dell’organizzazione si troverebbero fuori dagli Stati Uniti, ma gli inquirenti non hanno voluto dare dettagli in proposito.

In uno degli attacchi, in circa 10 ore, l’organizzazione ha sottratto 40 milioni di dollari dagli sportelli Bancomat in 24 Paesi, attraverso 36.000 transazioni.

“Invece di pistole e maschere, questa organizzazione criminale informatica ha usato laptop e Internet”, ha detto il procuratore del Distretto est di New York Loretta Lynch in conferenza stampa. “Muovendosi rapidamente come i dati sulla Rete, l’organizzazione si è aperta la strada dai sistemi informatici delle società internazionali alle strade di New York”. (Reuters)