MANNESMANN-VODAFONE, ECCO L’ACCORDO

4 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Nella tarda serata di ieri Mannesmann ha raggiunto un accordo con Vodafone che apre la strada a un’unione delle due società. In base all’intesa, gli azionisti Mannesmann avranno il 49,5% della Newco.

Ciò, precisa una nota, rappresenta un migliore rapporto di concambio pari a 58,96 azioni ordinarie Vodafone per ogni azione ordinaria Mannesmann. Il valore implicito della nuova offerta, che migliora del 5% la precedente proposta, equivale a 353 euro.

L’accordo prevede i seguenti elementi fondamentali: non saranno vendute le partecipazioni di Mannesmann nelle società di telefonia fissa Arcor e Infostrada; verrà dato seguito alla strategia integrata di Mannesmann, particolarmente nell’area dei servizi dati e del tele-commerce; Dusseldorf diventerà una delle sedi centrali delle attività nelle telecomunicazioni europee della società unificata; il collocamento in Borsa del settore engineering e automotive programmato per la metà di quest’anno avrà luogo come previsto.

Mannesmann, inoltre, si impegnerà a contribuire al processo di integrazione della società unificata. L’accordo, conclude il comunicato, è subordinato all’approvazione del Consiglio di vigilanza di Mannesmann.

Quanto a Vodafone AirTouch, ha comunicato che la scadenza della nuova offerta migliorata è stata prorogata al 17 febbraio. E’ stato anche ricordato che le nuove condizioni si applicano a tutti gli azionisti, inclusi quelli che hanno già aderito alla vecchia offerta.