MANAGER, FUORI DAI CONSIGLI D’AMMINISTRAZIONE

15 Aprile 2004, di Redazione Wall Street Italia

Calpers, il fondo pensione dei dipendenti pubblici californiani – numero uno americano con 167 miliardi di dollari gestiti – ha annunciato l’intenzione di ritirare il proprio sostegno a diversi dirigenti d’azienda, seduti nei consigli di amministrazione di otto tra le più importanti società statunitensi.

Dopo avere invitato – nei giorni scorsi – gli azionisti di Coca Cola e Citigroup a non rieleggere nei rispettivi board il finanziere Warren Buffett e il presidente Sanford Weill, Calpers si è scagliato, oggi, contro la rielezione di diversi dirigenti di Apple; Lockheed Martin; American Express; Johnson&Johnson; Carnival; BellSouth; Kellogg e Lexmark International.

Tutte aziende di spicco del panorama finanziario statunitense cui il fondo californiano imputa – a livello di consigli di amministrazione – una mancata indipendenza e quindi minore trasparenza nei confronti di azionisti e investitori.

In coda alla campagna sostenuta da Calpers, anche la Afl-Cio, l’associazione sindacale più influente degli Stati Uniti, ha presentato una sua lista di aziende, tra cui Citigroup, Apple, Safeway, Comcast e Cisco, responsabili – a suo avviso – di pagare oltremodo i propri amministratori delegati e top manager.