MACRO&MERCATI: PARLA GREENSPAN, ALERT SUI TASSI

12 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

*Questo documento e’ stato preparato da MPS Finance Banca Mobiliare S.p.A. ed e’ rivolto esclusivamente ad investitori istituzionali ovvero ad operatori qualificati, così come
definiti nell’art. 31 del Regolamento Consob n° 11522 del 1° luglio 1998 e successive modifiche ed integrazioni. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale
di WSI.

_______________________________________

(WSI) –

In area Euro oggi è attesa la produzione industriale di aprile che potrebbe registrare un rallentamento alla luce di quanto emerso nell’ambito dei principali paesi dell’area.

Tassi di Interesse: ieri in area Euro i tassi di mercato sono rimasti pressoché stabili dopo il discorso di Trichet alla Commissione europea in cui è stato ribadito che la politica monetaria della Bce è ancora accomodante, soffermandosi inoltre sui rischi dei rapidi sviluppi sul mercato finanziario. Oggi oltre alla produzione industriale di aprile, che non dovrebbe destare sorprese, non sono attesi dati di rilievo. Gli operatori resteranno quindi in attesa dell’apertura dei mercati statunitensi in vista del discorso di Greenspan sui mutui.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sul dieci anni la resistenza resta a 4,63%. Negli Usa ieri non ci sono stati dati macro di rilievo (così come oggi). Segnaliamo il discorso di Pianalto (membro non votante della Fed) che ha ribadito come l’attuale livello di inflazione sia ancora elevato. I tassi di mercato hanno continuato a salire soprattutto sulla parte più lunga della curva, comportando un ulteriore irripidimento della pendenza 2-10 anni da 11 a 14pb. Sono tornate a salire le breakeven inflation implicite nei Tips. Per oggi segnaliamo il discorso di Greenspan che potrebbe portare una certa volatilità. Inoltre questa sera vi sarà l’emissione di 8Mld$ di Treasury decennale. Su quest’ultimo comparto il primo supporto si colloca al 5%, mentre livelli di resistenza sono al 5,17-19% e 5,24%

Valute: Euro in lieve apprezzamento ieri verso Dollaro dopo che Trichet ha dichiarato che i tassi sono bassi a sufficienza per supportare l’economia, segnalando futuri aumenti. Per oggi il primo supporto si colloca a 1,3320 e successivamente 1,3265, la resistenza a 1,3430. Ieri lo Yen è stato poco volatile nei confronti di Euro e Dollaro. Gli operatori si mantengono cauti in attesa della riunione della BoJ che inizia giovedì. Ieri si è invece apprezzato nei confronti del Dollaro Neozelandese dopo l’intervento della banca centrale neozelandese, ma nel corso della notte si è stabilizzato. Segnaliamo infine come in Cina continuino ad emergere pressione inflattivo: l’indice dei prezzi al consumo di maggio si è posizionato al 3,4% a/a, il livello massimo in oltre due anni a causa principalmente della componente alimentare.

Materie Prime: recupero generalizzato delle materie prime. In rialzo il greggio dopo che l’Arabia Saudita ha annunciato che ridurrà le spedizioni a luglio verso la Cina, Giappone e Corea del Sud. Tra gli energetici in calo il gas naturale (-0,7%) a causa della bassa domanda negli Usa. Tra gli industriali forte rialzo del rame (+3,2%) sulle voci di un probabile sciopero dei minatori in Cile. Positivi i preziosi con l’oro che ha guadagnato l’1,4%. Infine ottima performance per gli agricoli con il grano che ha guadagnato il 5,4% beneficiando della riduzione delle stime sul raccolto Usa.

Copyright © MPS Finance per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved