Macchinario trasforma l’acqua in vino. Ma è una bufala

13 Marzo 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Pensate ad un macchinario in grado di trasformare l’acqua in vino, sarebbe fantastico, e infatti l’hanno inventato, o almeno così sembrava,

NPR riporta come circa due settimane fa alcuni guru delle aziende del vino hanno iniziato a sponsorizzare e a parlare di un prodotto chiamato “The Miracle Machine”.

La macchina in questione usando concentrati, diversi sapori e una serie di sensori elettrici come trasduttori, riscaldatori e pompe riuscirebbe a produrre del vino rapidamente e facilmente nella vostra casa.

La notizia ha fatto subito impazzire gli amanti del vino arrivando in poche ore ad ottenere 7.000 firme nella campagna Kickstarter, The Miracle Machine. Alcuni media hanno poi anche ipotizzato un prezzo che si aggirava attorno ai 499 dollari.

Tanta eccitazione quindi, ma anche tante domande, ad esempio: qualora la macchina miracolosa funzionasse veramente, quanto può essere buono il vino? Chiedendo ad un esperto del settore, il dottor Andrew Waterhouse, professore di enologia alla University of California, anche lui è rimasto molto dubbioso e perplesso da tutta la vicenda, a tal punto che conducendo ulteriori ricerche si è venuto a scoprire che si trattava di una grande bufala.

La Miracle Machine infatti era solamente uno stratagemma di marketing del MSL Group, una società di pubbliche relazioni, per promuovere il loro ente di beneficenza chiamato Wine to Water.
Philip James, uno dei due personaggi dietro lo scherzo, ha dichiarato: “È stato folle vedere la risonanza che ha suscitato la notizia”.

Wine to Water fornisce acqua pulita a 250 mila persone in 17 paesi dal 2004, oltre a riparare i pozzi rotti, installare serbatoi di raccolta delle acque pluviali e distribuzione di filtri.

Insomma, è sempre meglio verificare approfonditamente le fonti e magari berci su un bel bicchiere di vino. Vero.

)