L’UE incontra l’OPEC: richiesto aumento della produzione di petrolio

11 Aprile 2022, di Gianmarco Carriol

I funzionari dell’Unione europea terranno colloqui quest’oggi a Vienna con i rappresentanti dell’OPEC, tra gli appelli al gruppo di produttori: un aumento della produzione di greggio. Nel frattempo l’UE considera ancora potenziali sanzioni sulle importazioni di petrolio dalla Russia.

L’OPEC ha resistito alle richieste degli Stati Uniti e dell’Agenzia internazionale per l’energia di pompare più greggio per raffreddare i prezzi che hanno raggiunto il picco in 14 anni il mese scorso dopo che Washington e Bruxelles hanno imposto sanzioni a Mosca in seguito all’invasione dell’Ucraina.

L’OPEC+ che comprende l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e altri produttori, inclusa la Russia, aumenterà la produzione di circa 432.000 barili al giorno a maggio.

L’incontro UE-OPEC di oggi pomeriggio è l’ultimo di un dialogo avviato tra le due parti nel 2005.

Embargo al petrolio russo

Dopo che il blocco di 27 paesi ha concordato la scorsa settimana di sanzionare il carbone russo, il primo ad essere preso di mira, alcuni alti funzionari dell’UE hanno affermato che il petrolio potrebbe essere il prossimo. Finora il petrolio russo è stato escluso dalle sanzioni dell’UE.

La Commissione europea sta elaborando proposte per un embargo petrolifero sulla Russia, hanno affermato lunedì i ministri degli Esteri di Irlanda, Lituania e Paesi Bassi, arrivati ​​per un incontro con le loro controparti dell’UE a Lussemburgo.

Australia, Canada e Stati Uniti, che dipendono meno dall’approvvigionamento russo rispetto all’Europa, hanno già vietato gli acquisti di petrolio russo.

I paesi dell’UE sono divisi sull’opportunità di seguire l’esempio, data la loro maggiore dipendenza e il potenziale di un ulteriore aumento dei prezzi dell’energia in Europa.

L’UE prevede che il suo consumo di petrolio diminuirà del 30% entro il 2030, rispetto ai livelli del 2015, nell’ambito delle sue politiche pianificate per combattere il cambiamento climatico, sebbene a breve termine un embargo scatenerebbe una corsa per sostituire il petrolio russo con forniture alternative.