L’UE amplia le sanzioni: vietato l’ingresso delle navi russe nei porti

5 Aprile 2022, di Gianmarco Carriol

La Commissione europea ha proposto questa mattina nuove sanzioni contro la Russia a seguito dell’invasione dell’Ucraina tra cui spicca il divieto di acquistare carbone russo e di far entrare le navi russe nei porti dell’UE, e ha affermato che sta lavorando anche per vietare le importazioni di petrolio.

Sanzioni per il carbone in attivo dalla Russia

“Abbiamo visto tutti le immagini raccapriccianti di Bucha e di altre aree da cui le truppe russe sono recentemente partite. Queste atrocità non possono e non rimarranno senza risposta”, ha affermato il capo dell’esecutivo dell’Unione europea, Ursula von der Leyen.

“I quattro pacchetti di sanzioni hanno colpito duramente e limitato le opzioni politiche ed economiche del Cremlino. In vista degli eventi, dobbiamo aumentare ulteriormente la nostra pressione”, ha affermato in un discorso pubblicato su Twitter.

La presidente della Commissione Ue ha affermato che la proposta comporta di bloccare le importazioni di carbone dalla Russia ha un valore di 4 miliardi di euro all’anno e comprende il divieto totale di transazione su quattro banche chiave russe, inclusa la seconda più grande del paese, VTB.

“Stiamo lavorando a sanzioni aggiuntive, comprese le importazioni di petrolio, e stiamo riflettendo su alcune delle idee presentate dagli Stati membri, come le tasse o canali di pagamento specifici come un conto di deposito a garanzia”, ​​ha affermato von der Leyen.

Stop alle navi russe nei porti Ue

L’UE vieterà inoltre alle navi russe e alle navi operate dalla Russia l’accesso ai porti dell’UE, anche se ci sarebbero esenzioni per i prodotti agricoli e alimentari, gli aiuti umanitari e l’energia. Vieterà inoltre gli operatori di trasporto su strada russi e bielorussi e vieterà la vendita alla Russia di computer quantistici, semiconduttori avanzati, macchinari sensibili e attrezzature di trasporto per un valore di 10 miliardi di euro all’anno.

Von der Leyen ha affermato che il blocco di 27 nazioni fermerà anche le importazioni di legno e cemento russi, nonché di frutti di mare e liquori per un valore totale di circa 5,5 miliardi di euro all’anno. Escluderà le società russe dalle gare di appalti pubblici nei paesi dell’UE e aggiungerà altri oligarchi a un elenco di persone i cui beni nell’UE saranno congelati.