L’oro potrebbe salire a 1400 dollari entro fine 2019

16 Aprile 2019, di Livia Liberatore

L’oro sembra destinato a salire a livelli record entro la fine dell’anno, alimentato dalla posizione meno aggressiva della Federal Reserve sui tassi di interesse e dalle persistenti incertezze globali. Lo ha come la Russia, responsabile mondiale dei metalli preziosi presso la società di servizi finanziari INTL FCStone, secondo cui l’oro potrebbe raggiungere 1400 dollari l’oncia.

L’analista sottolinea che le banche centrali hanno acquistato oro a livelli mai visti in 50 anni, come parte di una strategia di più ampia diversificazione delle riserve al di fuori delle valute, compreso il dollaro Usa. Le preoccupazioni per l’economia globale e le questioni geopolitiche, compresa la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, hanno aumentato l’incertezza, che spesso avvantaggia l’oro considerato un rifugio sicuro.

Finora i prezzi dell’oro sono stati in gran parte bloccati in un intervallo compreso tra 1,217 e 1,330 dollari, afferma Martin Huxley, ma la situazione potrebbe cambiare nella seconda metà dell’anno. L’analista ha detto che il passaggio all’oro non sta avvenendo solo in Paesi come la Russia e il Kazakistan ma anche nelle banche centrali in Polonia, Ungheria, Filippine e, più recentemente, in Cina.

“Il fatto che le banche centrali stiano diversificando le loro riserve, è un fatto molto positivo per il settore”, ha sostenuto Huxley.

Huxley non è il solo a pensarla così. L’esperto di metalli Suki Cooper di Standard Chartered ha detto il mese scorso che si aspetta che i prezzi della lingotti aumentino quest’anno. “È nel quarto trimestre che vedremo i prezzi del metallo prezioso toccare i massimi che abbiamo visto nel 2018 e 2017 e potenzialmente corrispondenti ai picchi di cinque anni fa”.