Lloyds fa marcia indietro sui bonus. E non sarà l’unica

22 Febbraio 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Dopo Lloyds, anche altre banche europee faranno marcia indietro sui bonus elargiti ai loro dirigenti negli ultimi anni. Il recupero fiscale sulle retribuzioni dei dirigenti è un’operazione rara.

E nel caso del gruppo bancario assicurativo britannico, che si appresta a recuperare oltre un milione di sterline da cinque direttori generali in carica nel 2010, tale decisione sarebbe dovuta allo scandalo legato alle payment protection insurance (ppi), assicurazioni che tutelano chi stipula un mutuo in presenza di circostanze sfavorevoli. Ma che nella maggior parte dei casi si sono rivelate inutili e costose.

A quanto pare gli ex dirigenti della Lloyds non saranno i soli a pagare il conto dello scandalo dei PPI. L’associazione dei consumatori britannici Which? ha chiesto che anche altri istituti di credito, tra cui Royal Bank of Scotland, Barclays, Hsbc e Santander facciano altrettanto.

Nel frattempo, Ubs sta recuperando bonus per oltre 2 milioni di franchi svizzeri pagati nel 2011 ad alcuni suoi dirigenti per via del calo dei profitti atteso nel 2012, Insomma, con la crisi economica che morde, non è più tempo per fare sconti.