Le scelte finanziarie da evitare se si vuole andare in pensione presto

23 Maggio 2019, di Alessandra Caparello

Per chi si prepara alla pensione, i primi costi da tagliare sono anche i più grandi: il debito, la casa e l’auto. Se si sceglie di assumere più debiti, di vivere in una casa più grande o guidare un’auto costosa, potrebbe essere compromessa la capacità di risparmiare e quindi di ritirarsi dal lavoro e andare in pensione.

Così dice su Bussiness Insider la pianificatrice finanziaria Sophia Bera.

“Il pensionamento dovrebbe essere una delle vostre massime priorità finanziarie, insieme al pagamento del debito ad alto tasso d’interesse e alla creazione di risparmi d’emergenza. Questi sono i tre elementi chiave per creare una solida base finanziaria.Senza la quale è difficile raggiungere altri obiettivi finanziari”.

Tenendo questi tre elementi in testa, si evita di prendere ora decisioni finanziarie che potrebbero causare ostacoli alla pianificazione finanziaria dopo. Tre delle più grandi decisioni finanziarie che si possono prendere ora e che potrebbero rendere più difficile andare in pensione in futuro sono:

  • Indebitarsi per chiedere un prestito studentesco troppo tardi: è comune, e comprensibile, voler aiutare i propri figli, dice l’esperto, ma può anche compromettere la capacità di risparmiare per la pensione. I prestiti studenteschi possono essere una forma costosa di debito e gli esperti raccomandano di estinguerlo il più presto possibile perché potrebbero mettere sotto pressione la propria sicurezza finanziaria in pensione.
  • Possedere più case di quante se ne possano permettere: il consiglio dell’esperta è di vivere in una casa più accessibile con un mutuo più piccolo il che permetterà di avere più spazio nel proprio budget per risparmiare per il futuro.
  • Guidare un’auto di lusso che non ci si può permettere: come l’acquisto di una casa che non ci si può permettere, anche l’acquisto di un’auto di lusso non è sempre necessario. Non è solo il pagamento mensile della rata dell’auto che pesa ma tutte le spese per lo stesso veicolo, benzina, assicurazione, parcheggio, revisione, ecc. da qui l’esperta consiglia la guida di un veicolo più vecchio che si può pagare in contanti, o persino rinunciare completamente a un’auto e reindirizzare i risparmi verso la pensione.