Le azioni di Silvergate crollano per colpa delle sue partecipazioni in FTX

7 Dicembre 2022, di Gianmarco Carriol

Le azioni di Silvergate sono crollate martedì, anche dopo che l’amministratore delegato della società ha pubblicato una lettera pubblica nel tentativo di “mettere le cose in chiaro” sul suo ruolo e sullo stato attuale dell’ecosistema cripto.

Le azioni sono scese del 4,7% dopo aver subito un calo del 13% nelle contrattazioni pre-mercato. Le speculazioni si sono accavallate intorno alla banca “amica delle criptovalute” sulla scia del fallimento di FTX, mentre gli investitori cercavano di decifrare il rapporto di Silvergate con FTX e il suo potenziale impatto. Silvergate ha dichiarato che il rapporto è limitato ai depositi.

La pressione sul titolo è aumentata dopo che NBC News ha riferito che all’inizio di martedì la senatrice Elizabeth Warren insieme a due colleghi repubblicani, ha inviato una lettera all’amministratore delegato di Silvergate, Alan Lane, chiedendo informazioni sul rapporto della banca con FTX e altre entità guidate da Sam Bankman-Fried.

Ha dichiarato Lane nella lettera, pubblicata lunedì sera:

“Sono state settimane molto difficili per l’industria degli asset digitali, in quanto tutti noi abbiamo fatto i conti con l’apparente abuso dei beni dei clienti e con altri errori di giudizio da parte di FTX e Alameda Research”,

“C’è stata anche molta speculazione e disinformazione diffusa da venditori allo scoperto e altri opportunisti che hanno cercato di capitalizzare l’incertezza del mercato”.

Silvergate ha recentemente rivelato che i depositi FTX presso la banca rappresentano meno del 10% dei suoi depositi totali dai clienti di criptovalute. Ha inoltre dichiarato di non avere prestiti o investimenti in essere nell’exchange di criptovalute.

Dopo l’improvviso crollo di FTX a novembre, Lane ha ribadito in alcune interviste che la banca ha un bilancio solido e un’ampia liquidità nel caso in cui dovesse soddisfare le richieste di prelievo. Lo ha ribadito anche nella lettera di lunedì:

“Sebbene questo sia stato un periodo turbolento per il settore degli asset digitali, i depositi dei nostri clienti sono, e sono sempre stati, al sicuro”, 

“Abbiamo intenzionalmente contanti e titoli in eccesso rispetto alle nostre passività di deposito legate agli asset digitali”.

Ha anche scritto che la banca ha condotto una “diligence approfondita” su FTX e sulla sua consociata, la società di trading Alameda Research, e che prende “estremamente sul serio” la gestione del rischio e la conformità.

Secondo l’analista Michael Perito, la ricerca di KBW conferma l’idea che il rapporto di Silvergate con le piattaforme FTX fosse “estremamente limitato”, sulla base dei documenti di fallimento della società stessa. In una nota di martedì ha affermato:

“Probabilmente la maggior parte dei clienti trasferiva il valore sulla borsa FTX tramite criptovalute e portafogli digitali rispetto ai trasferimenti di fiat dalle banche”.

“Sono passate settimane dal fallimento di FTX e dalle prime affermazioni fuorvianti sui social media secondo cui SI era coinvolta”, si legge nella nota.

“Silvergate è un istituto altamente regolamentato (la Federal Reserve è il suo principale regolatore), con Crowe LLP che funge da revisore dei conti. Se le autorità di regolamentazione della banca fossero molto preoccupate per le attività in corso, a nostro avviso il processo di identificazione di tali problemi sarebbe abbastanza rapido e non dovrebbe richiedere molte settimane”.

David Chiaverini, analista di Wedbush, in una nota di martedì ha osservato che mentre Silvergate facilitava i pagamenti ad Alameda era “coerente con le normali pratiche commerciali, la lettera non forniva nemmeno un aggiornamento sui depositi attuali. Ciò implica che la società “potrebbe continuare a subire pressioni sui depositi”.