Lane: perché la Bce deve continuare ad alzare i tassi

17 Gennaio 2023, di Alessandra Caparello

La Bce deve aumentare i tassi di interesse fino a un livello che inizi a limitare la crescita e il loro picco dipenderà da come l’economia risponderà al ciclo di inasprimento politico più rapido mai registrato. A parlare in questi termini è il capo economista della Banca centrale europea, Philip Lane, in un’intervista al “Financial Times”. Da luglio la Bce ha aumentato i tassi di 2,5 punti percentuali nel tentativo di arrestare un’impennata storica dell’inflazione, ma i responsabili delle politiche hanno già detto che sarà necessario fare di più per riportare la crescita dei prezzi, ora appena sotto il 10%, all’obiettivo della Bce del 2% entro il 2025. Il “Financial Times” cita puntualmente le parole pronunciate martedì da Lane:

 “Dobbiamo alzare ancora i tassi. L’anno scorso potevamo dire che era chiaro che dovevamo portare i tassi a livelli più normali, mentre ora diciamo che in realtà dobbiamo portarli in territorio restrittivo”.

Sebbene i mercati vedano ora il tasso di deposito al 2% con un picco intorno al 3,3% quest’estate, Lane ha adottato un approccio più cauto, sostenendo che la risposta di imprese, famiglie e governi alle mosse della Bce sarà fondamentale. Lane ha inoltre affermato che i governi dell’area dell’euro, che attualmente spendono troppo in sussidi, dovranno assumere un ruolo maggiore nel contrastare l’inflazione.

“I governi devono anche ridurre gli elevati deficit che ancora permangono”, ha affermato. “Nei prossimi anni sarà necessario un significativo aggiustamento fiscale”. La domanda è: “Come si fa a passare dalla metà del 3% alla fine del 2023 all’obiettivo del 2% in modo tempestivo?”, ha detto Lane. A suo avviso, “è qui che la politica dei tassi d’interesse sarà importante per assicurarsi che l’ultimo chilometro di ritorno all’obiettivo sia realizzato. Una volta che i tassi saranno abbastanza alti da limitare la crescita, la Bce dovrà bilanciare il rischio di fare troppo rispetto a quello di fare troppo poco e questo potrebbe essere un problema che si trascinerà per il prossimo anno o due”.

Per la maggior parte dell’ultimo decennio, la Bce ha combattuto contro un’inflazione eccessivamente bassa e alcuni hanno sostenuto che le condizioni di fondo non sono cambiate, per cui una crescita dei prezzi estremamente bassa potrebbe tornare, costringendo la Bce a ritirarsi. Lane sembra però respingere questa tesi, affermando che le aspettative si stanno ora adeguando a un livello di crescita dei prezzi più elevato e sano. “Non credo che tornerà l’equilibrio cronico di bassa inflazione che avevamo prima della pandemia.