La Grecia ripaga l’Fmi nell’ultimo giorno utile

11 Maggio 2015, di Redazione Wall Street Italia

ATENE (WSI) – La Grecia ripagherà il prestito al Fondo Monetario Internazionale nell’ultimo giorno utile.

Il governo ha infatti avviato la pratica per restituire 750 milioni di euro all’istituto di Washington. Lo hanno riferito a Reuters funzionari del governo.

Il prestito scadeva domani, 12 maggio. Il prossimo appuntamento è il 5 giugno data entro la quale vanno restituiti 300 milioni di euro.

“È stato eseguito l’ordine di pagare l’Fmi” ha detto all’agenzia di stampa un alto funzionario del ministero delle Finanze.

C’erano dubbi sul fatto che Atene fosse in grado di saldare il debito. La Grecia, in serie difficoltà economiche dopo diversi anni di austerità, recessione e montante indebitamento, rischiava infatti – e rischia tuttora – di rimanere senza soldi e fare default sulle sue finanze pubbliche.

La notizia arriva proprio prima dell’atteso annuncio al termine dei negoziati dell’Eurogruppo, da cui non dovrebbe comunque emergere una soluzione definitiva alla crisi del debito greco.

I ministri delle Finanze dell’area euro hanno fatto sapere che stasera emetteranno un comunicato in cui si feliciteranno per i progressi compiuti dalla Grecia.

Un funzionario del governo ha detto a Reuters che nel comunicato si preciserà che per scongiurare il default del debito e “per colmare i gap tra le due parti serviranno più tempo e più sforzi”.

(DaC)