La Germania si prepara a salvare Commerzbank

15 Dicembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

Berlino – Il governo guidato dal Cancelliere tedesco Angela Merkel ha optato per la riattivazione del fondo di salvataggio delle banche, da circa €360 miliardi, per poter tutelare gli istituti in caso di intensificarsi della crisi.

Piano che avrebbe l’intento di andare a salvataggio di Commerzbank in caso non riesca entro i prossimi 30 giorni a raccogliere i €5,3 miliardi necessari per soddisfare le richieste dell’EBA (European Banking Authority).

Le autorità di Berlino, secondo quanto riporta il Financial Times, sarebbero infatti sempre più scettiche del fatto che la banca possa farcela senza utilizzare aiuti dallo stato. Durante la crisi finanziaria aveva ricevuto fondi per €18 miliardi e ancora ad oggi rimane al 25% di proprietà dello stato.

Un fondo da €360 miliardi, diviso tra €60 miliardi per ricapitalizzazioni dirette e €300 miliardi per garanzie.

Tra le misure dell’accordo la BaFin, l’autorità tedesca per la supervisione dei mercati finanziari, avrà il potere di imporre agli istituti di accettare nuovi aiuti in caso i piani per l’aumento di capitale siano insufficienti.

“Secondo la legge precedente, BaFin poteva intervenire solo quando la banca era a rischio collasso”, ha detto al Ft un membro del governo. “Adesso può agire anche solo in caso di pericolo per l’intero sistema finanziario e di eventi che ne possano minare la fiducia”.