L’indice EuroStoxx50 in rialzo di circa lo 0.5%

9 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari

L’indice italiano Ftse/Mib archivia l’ultima seduta della settimana in buon rialzo. Bene Tenaris, Finmeccanica e Autogrill mentre tra le banche segnaliamo Mps che ritiene come le notizie diffuse ieri su ipotetici gap patrimoniali siano completamente infondate. Tra i titoli in calo citiamo Lottomatica che risente del giudizio di Bank of America.

Eurostoxx50

L’indice EuroStoxx50 chiude l’ultima seduta della settimana con un rialzo di circa lo 0,5%, in linea con il resto d’Europa dove però si segnala lo storno di Lisbona. Tra i settori, bene le risorse di base ed il chimico, in calo l’immobiliare. A livello di single stocks, denaro su ArcelorMittal e Basf, in rosso CRH, Agricole e Nokia.

Macroeconomia

Negli Stati Uniti le scorte all’ingrosso sono salite a maggio dello 0,5% dal +0,2% di aprile (dato rivisto da +0,4%); il dato è leggermente superiore alle attese degli analisti che indicavano +0,4%. A giugno i prezzi alla produzione in versione output hanno fatto registrare in UK un calo congiunturale dello 0,3%, con il dato annuo che sale al 5,1% (dal 5,5% rivisto da 5,7%). Il Ppi input è sceso dello 0,2% mensile mentre il dato tendenziale si porta al 10,7% (da +11,5% rivisto da +11,2%). La produzione industriale italiana a maggio è salita dell’1% rispetto al mese precedente (consensus +0,5%), mentre su base annua l’incremento è stato del 7,3%, oltre le attese degli analisti che indicavano +6,8% (da dire che il dato di aprile è stato rivisto al ribasso a +7,5% da +7,8%).

Cambi e commodities

In chiusura dei mercati europei, l’euro cede terreno nei confronti del dollaro con il cross vicino a 1,26 dopo essere salito nell’intraday anche sopra 1,27. Lato materie prime, il Wti Usa si mantiene tonico sopra USD76 al barile.

Azioni Italia

Arkimedica (EUR0,4835): Cinzio Ernesto Barazzoni si è dimesso dalla carica di Ad e lascia anche il CdA. L’ex Ad detiene 1.536.758 azioni di Arkimedica.

Fiat (EUR8,835): Durante l´incontro che si è tenuto questa mattina a Torino, Fiat e le organizzazioni sindacali Fim, Uilm, Fismic e Ugl hanno convenuto di dare attuazione all´accordo raggiunto lo scorso 15 giugno per la produzione della futura Panda a Pomigliano d´Arco.

Lottomatica (EUR10,60): Gli analisti di Bank of America-ML hanno ridotto la raccomandazione sul titolo da neutral a underperform ed il target price da EUR17 a EUR10,2.

Azioni Estero

Best Buy (USD33,95): gli analisti di Jefferies hanno ridotto il giudizio da buy a hold ed il target price da USD50 a USD36.

General Electric (USD14,83): Deutsche Bank ha limato al ribasso il target price da USD20 a USD19, il rating è hold.

Google (USD467,39): annuncia che il governo cinese ha rinnovato la sua licenza operativa. Google spera di “poter continuare a fornire servizi e prodotti agli utenti cinesi”.

McDonald’s (USD69,13): ha annunciato che a giugno le vendite same-store (ossia nei punti vendita aperti da almeno un anno), hanno registrato un calo dell’1,4% annuo; la società ha attribuito la contrazione alle buone performance del giugno 2009, in corrispondenza dell’entrata in commercio di nuovi prodotti.

Michael Page (GBp394,1): ha riportato nel secondo trimestre dell’anno un utile lordo pari a GBP11,5 mln, in rialzo del 33% rispetto al corrispondente periodo del 2009. Il risultato è migliore (+14%) anche rispetto al trimestre precedente.

Peugeot (EUR23,06): stando agli ultimi rumors di borsa, il gruppo sarebbe pronto a finalizzare una nuova avventura al 50-50 con la società cinese Changan Automotive Group. Regis (USD14,22): ha annunciato che le vendite del 4Q fiscale hanno fatto segnare un calo del 5,6% a USD590 mln, da USD625 mln di un anno fa; le vendite a parità di perimetro sono invece scese del 2,7%. La società ha dichiarato di attendersi un miglioramento dei conti nell’anno fiscale 2011.

Roche (CHF150,30): Gli analisti di Citigroup hanno tagliato il target price di Roche da CHF175 a CHF163, il rating è hold.

Unilever (EUR22,73): JP Morgan ha alzato il target price di Unilever da EUR26 a EUR28, il rating è overweight.

Copyright © UNICREDIT per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

*Questo documento e’ stato preparato da UniCredit Bank AG. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.