L’HI-TECH METTE SOTTO PRESSIONE I MERCATI USA

18 Marzo 2003, di Redazione Wall Street Italia

I mercati americani continuano a viaggiare all’insegna della cautela, smorzando le speranze di chi scommetteva su un’altra giornata di rally. A pesare su Wall Street sono alcune notizie negative provenienti dal fronte societario, che vedono sotto i riflettori la decisione di sforbiciare la forza lavoro da parte della societa’ semiconduttori Applied Materials (AMAT – Nasdaq) e del colosso hardware Gateway (GTW – Nasdaq). Pochi minuti fa tuttavia AMAT e’ stata premiata dalla banca d’affari Goldman Sachs .

Non aiutano al momento il recupero del dollaro , che al momento e’ scambiato a 1,0586 contro l’euro e il nuovo calo del petrolio , che e’ arrivato a segnare il maggior ribasso dal 2001. Il biglietto verde avanza contro l’euro per il sesto giorno consecutivo.

Gli investitori si prendono cosi’ una pausa di riflessione anche nell’attesa della riunione della Fed, che alle ore 20: 15 italiane si pronuncera’ sui tassi di interesse. Per la banca d’affari Merrill Lynch, la Banca centrale americana potrebbe decidere di sforbiciare il costo del denaro .

E molti analisti sottolineano che il rally che gli indici americani hanno messo a segno nella seduta di ieri e’ stato un rally da mercato orso, che potrebbe fermarsi nel momento in cui l’attacco degli Usa all’Iraq diventera’ operativo.

Per tutti i dettagli sui titoli che stanno movimentando la seduta odierna clicca su WSI TITOLI CALDI, in INSIDER.